Sociologia della prevenzione, epidemiologia ed educazione sanitaria (LM67-11A)

Sociologia della prevenzione, epidemiologia ed educazione sanitaria (LM67-11A)

informazioni su questo INSEGNAMENTO
CFU / ECTS
10
Ore totali:
101
SSD:
MED/42 e SPS/08
Lingua:
Italiana
Periodo:
Annuale
Modalità di valutazione:
Valutazioni in itinere ed esame orale finale

Obiettivi formativi

Acquisire una solida preparazione negli argomenti connessi alla salute nelle diverse fasce d’età e contesti sociali, con particolare riguardo al contributo delle attività motorie nella prevenzione e benessere delle comunità. Elementi cardine della preparazione comprendono le basi della medicina preventiva e della sociologia, la metodologia epidemiologica e gli strumenti di sanità pubblica, applicati in un contesto che ne evidenzi complessità e criticità alla luce di tematiche attuali o emergenti.

Acquisire conoscenze e strumenti per contribuire ad interventi di educazione sanitaria e campagne di promozione della salute, che possano integrare le AMPA negli specifici contesti sociali, con particolare riguardo all’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Conoscere il contesto dei servizi socio-assistenziali sul territorio e delle normative sanitarie fondamentali in tema di medicina preventiva, sicurezza sanitaria e igiene del lavoro. Sapere inserire il ruolo preventivo del movimento in una prospettiva di salute globale, declinando l’integrazione delle attività motorie all’interno di strategie di sanità pubblica, secondo i diversi tempi della prevenzione e i diversi contesti sociali. Infine, attraverso una maggiore chiarezza fornita dalla teoria e dalla metodologia d’indagine sociologica, s’intende fornire gli strumenti per scrutare le varie modalità utilizzate dagli attori sociali per elaborare le immagini relative alla salute, la prevenzione e all’identità.

Prerequisiti

Nessuno

Risultati apprendimento attesi

Programma

Il corso integrato si articola in 2 moduli: uno di ambito sociologico e uno di ambito igiene e sanità pubblica

Modulo 1: Medicina preventiva, Epidemiologia ed Educazione alla Salute

Il modulo si propone di inquadrare l’attività motoria come strumento di prevenzione e promozione della salute in una prospettiva di sanità pubblica. L’epidemiologia, eziologia e storia naturale delle patologie rappresenteranno i fondamenti per comprendere le strategie di prevenzione, indicare i metodi per applicarle appropriatamente e valutarne l’efficacia, inserendole nel continuum di salute sulla base delle evidenze scientifiche, linee guida, normative sanitarie. In una prospettiva di Salute Globale ed in considerazione delle esigenze del Servizio Sanitario Nazionale, la declinazione della salute per fasce d’età e dell’attività motoria nei diversi tempi della prevenzione costituiranno i cardini formativi, sia culturali che professionalizzanti. Saranno forniti elementi per la progettazione di interventi AMPA che integrino l’educazione alla salute in azioni di sanità pubblica. In questo contesto, la salubrità ambientale e la sicurezza occupazionale in strutture per lo sport e per il benessere, rappresentano presupposti imprescindibili per la qualificazione di un operatore laureato AMPA.

Programma
Il ruolo delle AMPA in una prospettiva di Sanità Pubblica. Studi di metanalisi e definizione di linee guida. Elementi di immunologia e immunoprofilassi. Screening. Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). Il termalismo. Elementi di medicina sociale e delle comunità, Igiene della Scuola, del Lavoro e dello Sport. AMPA in acqua e igiene delle piscine. L’Educazione alla Salute nelle AMPA. Sistemi sanitari e salute globale. Servizi sul territorio e il ruolo dei Dipartimenti di Prevenzione e Distretti. Linee di indirizzo per AMPA nelle diverse età e in sottogruppi specifici, incluse situazioni di disabilità e disagio sociale.

Modulo 2: Sociologia generale, del benessere e della prevenzione

Il modulo si propone di delineare le principali dinamiche sociologiche che hanno disegnato l’immagine del sé e dell’altro, condizionando l’evoluzione del concetto di identità, di integrazione, di benessere, di salute e di informazione oggi. La prevenzione in tal senso interviene come una nuova possibilità ai fini dell’informazione e dell’educazione alla salute, al benessere della società, consentito e garantito dai nuovi mezzi di comunicazione. Parimenti, i suoi limiti sono proprio nell’assenza di filtro e di controllo, che rischia di trasformare l’opportunità in danno, l’educazione in bad practices e l’informazione in fake news. Attraverso una maggiore chiarezza fornita dalla teoria e dalla metodologia d’indagine sociologica, s’intende fornire gli strumenti per scrutare le varie modalità utilizzate dagli attori sociali per elaborare le immagini relative alla salute, la prevenzione e all’identità.

Programma
Introduzione: cos’è la sociologia e cosa studia. Categorie e concetti. Le teorie sociologiche della modernità. Sociologia della salute; Sociologa della cura: educazione e informazione alla prevenzione. La socializzazione e l’informazione. La città e l’urbanesimo come modo di vita. Devianza e controllo sociale.

Disuguaglianze, stratificazione sociale, mobilità. Il corpo e la salute tra la prima e la seconda modernità. Educazione alimentare e transizione nutrizionale. La dieta mediterranea. Ruoli sociali, status, istituzioni. La cultura: la prospettiva antropologica e sociologica; Gli elementi della cultura: norme, valori, identità sociale, la metodologia della ricerca sociale

Programma Esteso

  • Settimana 1
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Introduzione al corso modulo di sociologia. Cos’e’ e cosa studia, i suoi paradigmi. Le teorie sociologiche della modernità
      • Sessione 2 La sociologia: cos’e’ e cosa studia, i suoi paradigmi. Le teorie sociologiche della modernità’
    • Modulo 2
      • Sessione 1. Introduzione al modulo 2
      • Sessione 2. Sistema Immunitario
  • Settimana 2
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Sociologia della salute, della malattia, della cura: educazione e informazione alla prevenzione
      • Sessione 2 Sociologia della salute, della malattia, della cura: educazione e informazione alla prevenzione
    • Modulo 2
      • Sessione 1. Vaccini storia.
      • Sessione 2. Vaccini basi molecolari
  • Settimana 3
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Micro e macro sociologia della salute
      • Sessione 2 Micro e macro sociologia della salute
    • Modulo 2
      • Sessione 1. vaccinazioni.
      • Sessione 2. il ruolo del mondo dello sport nella promozione dei vaccini; la corretta informazione e le fake news)
  • Settimana 4
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Sociologia dello sport
      • Sessione 2 La metodologia della ricerca sociale
    • Modulo 2
      • Sessione 1 Sicurezza occupazionale (storia delle norme italiane)
      • Sessione 2 Sicurezza occupazionale il quadro normativo attuale; la valutazione dei rischi; la formazione del lavoratore in materia di sicurezza 2/2
  • Settimana 5
    • Modulo 1
      • Sessione 1 La metodologia della ricerca sociale
      • Sessione 2 la devianza e controllo sociale
    • Modulo 2
      • Sessione 1. SSN parte 1 (evoluzione dei sistemi sanitari; nascita dei servizi sanitari; modelli esteri)
      • Sessione 2. SSN parte 2 (evoluzione della società italiana e le norme sulla salute; Costituzione italiana e salute; nascita del SSN regionalizzazione dei servizi; il SSN tra diritto alla salute e sostenibilità della spesa; equità del finanziamento)
  • Settimana 6
    • Modulo 1
      • Sessione 1 gruppi e i ruoli sociali
      • Sessione 2 la cultura: la prospettiva antropologica e sociologica, norme, valori, identità sociale
    • Modulo 2
      • Sessione 1. servizi sul territorio (organizzazione del SSN in Italia).
      • Sessione 2. Servizi sul territorio (le funzioni dei dipartimenti all’interno del distretto dell’ASL).
  • Settimana 7
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Il corpo, linguaggio non verbale e la salute tra la prima e la seconda modernità
      • Sessione 2 Il corpo, linguaggio non verbale e la salute tra la prima e la seconda modernità
    • Modulo 2
      • Sessione 1 la prescrizione dell’attività motoria all’interno del SSN
      • Sessione 2 La prescrizione dell’attività motoria all’interno del SSN: Il progetto dell’Emilia-Romagna
  • Settimana 8
    • Modulo 1
      • Sessione 1 La città e l’HCI
      • Sessione 2 Acta medica, obesità e diabete e il caso di Roma
    • Modulo 2
      • Sessione 1 la prescrizione dell’attività motoria all’interno del SSN: l’implementazione di sistemi simili in altre regioni
      • Sessione 2 La prescrizione dell’attività motoria all’interno del SSN: ruolo del laureato in Sc. motorie e sua interazione coi servizi sul territorio
  • Settimana 9
    • Modulo 1
      • Sessione 1 Educazione alimentare e transizione nutrizionale. La dieta mediterranea
      • Sessione 2 La doppia carriera (esercitazione)
    • Modulo 2
      • Sessione 1 Linee di indirizzo per AMPA nelle diverse età e in sottogruppi specifici
      • Sessione 2 Linee di indirizzo per AMPA nelle diverse età e in sottogruppi specifici II parte
  • Settimana 10
    • Modulo 1
      • Sessione 2 lavoro in classe per esercitazione e presentazione esame finale
    • Modulo 2
      • Sessione 1 Declinazione dell’attività motoria nei tre tempi della prevenzione
      • Sessione 2 Esempi applicativi di ruolo di interventi di educazione alla salute attraverso l’attività motoria in diversi contesti
  • Settimana 11
    • Modulo 2
      • Sessione 1 Lavori di gruppo prima parte
      • Sessione 2 Lavori di gruppo prima parte
  • Settimana 12
    • Modulo 2
      • Sessione 1 Lavori di gruppo seconda parte
      • Sessione 2 Consolidamento dei contenuti del corso

 

Metodi didattici
Le lezioni si svolgeranno sia in modalità frontale, che interattiva con attività in classe, anche attraverso l’ausilio di supporti didattici per l’approfondimento di specifiche tematiche di attuale rilevanza e attività a piccoli gruppi. Le lezioni interattive saranno anche dei momenti di valutazione in itinere della capacità di ritenere e rielaborare i contenuti appresi.

Previste attività di tutoring, seminari, e percorsi formativi per approfondimenti personalizzati da concordare previo appuntamento.

Al termine delle lezioni è possibile fissare appuntamenti per il ricevimento con i docenti.

Modalità di verifica dell’apprendimento
Sono previste attività di lavoro a piccoli gruppi e prove in itinere. La verifica finale del profitto del corso integrato è orale. Consiste di un’unica prova complessiva mediante colloquio, che verterà sui contenuti di tutti i moduli: allo studente sarà richiesto di sapersi orientare nella impostazione di interventi di prevenzione che integrino le attività motorie in contesti di sanità pubblica e medicina sociale, focalizzando sulle diverse fasce d’età, condizioni patologiche e tempi della prevenzione dimostrando di conoscere e saper affrontare gli aspetti sociologici con adeguato rigore e metodologia.

Testi di riferimento
Modulo 1

  1. Brandi G, Liguori G, Romano Spica V. Igiene e sanità pubblica per scienze motorie; Antonio delfino Editore, e relativi approfondimenti su wikigiene.it (percorso AMPA).
  2. AAVV. Il guadagno di Salute attraverso la promozione dell’Attività Fisica. Evidenze scientifiche e attività di campo. A cura di G Liguori e GSMSSItI. Roma, SEU Editore, 2014.

Eventuali approfondimenti:

  • Lemma P. Promuovere salute. Principi e strategie. Pensiero Scientifico Editore, Roma 2018
  • Conferenza Stato-Regioni il marzo 2019: Linee di indirizzo sull’attività fisica
  • Romano Spica V, et al. La Carta di Erice 2015: Adapted Physical Activity for the Promotion of Health and the Prevention of Multifactorial Chronic Diseases: the Erice Charter. Ann Ig. 2015;27(2):406414.

Modulo 2
Le slide (per eventuali approfondimenti fare riferimento a Manuale di Sociologia, Neil Smelser, Il Mulino).
Inoltre, andranno portati due dei testi seguenti, uno dal gruppo 1 e uno dal gruppo 2:

Gruppo 1 (un testo obbligatorio):

  • M.Ingrosso, Cura complessa e collaborativa
  • PM Fiocco, Teoria sociale della cura. La struttura dell’identità medica
  • AF.Maturo, Sociologia della malattia. Un’introduzione
  • M Tognetti, F Angeli. Nuovi scenari di salute. Per una sociologia della salute e della malattia.
  • R Biancheri, Note di sociologia della salute. Manuale per le professioni mediche e sanitarie
  • D Carricaburu, M Me’noret, e al. Sociologia della salute
  • G Vicarelli Sociologia della salute e della medicina. Cura e salute. Prospettive sociologiche
  • S Porcu. Salute e malattia. Mutamento socioculturale e trasformazioni organizzative dei servizi alla persona

Gruppo 2 (un testo obbligatorio):

  • AF Maturo, Tra Igea e Panacea. Riflessioni su medicina e società
  • AF Maturo, La società bionica. Saremo sempre più belli, felici e artificiali? NR Porro, Lineamenti di sociologia dello sport.
  • FM Lo Verde. Sociologia dello sport e del tempo libero.
  • M Tirino, L Bifulco, Sport e scienze sociali: Fenomeni sportivi tra consumi, media e processi globali
  • S Martelli, I Matteucci. Keep fit! Benessere attivo e nuove tecnologie
  • IS Germano. La società sportiva: significati e pratiche della sociologia dello sport R Barthes, C Bongiovanni. Lo sport e gli uomini
  • C Satta. Per sport e per amore: Bambini, genitori e agonismo
  • P Borgna. Sociologia del corpo.
  • G Bizzaglia. La città che cammina. Per una sociologia del corpo metropolitano (Italiano)
  • Barbagli, Sbraccia, Sociologia della devianza
  • M Liuccio Alla ricerca del corpo perduto.
  • F Giorgino, M Liuccio La sanità medi@ta. Salute, società e comunicazione nell’era delle fake news
  • F Giorgino, M Liuccio Lost food. Comunicazione e cibo nella società ortoressica
  • S Mauceri, Omofobia come costruzione sociale. Processi generativi del pregiudizio in età adolescenziale
  • Le Breton D., Identità e dolore nella sociologia del corpo
  • A Maturo, Setiffi, Aspetti sociali del wellness, https://series.francoangeli.it/index.php/oa/catalog/view/667/497/3814
Vedi programma esteso
CORSI CHE UTILIZZANO L'INSEGNAMENTO
Laurea Magistrale in Attività Motorie Preventive e Adattate (Classe LM67)
Piazza Lauro de Bosis, 15 - 00135 Roma
Docenti del corso
De Falco Ciro Clemente
Giampaoli Saverio
Gianfranceschi Gianluca
Lenzi Francesca Romana
Romano Spica Vincenzo
Ubaldi Francesca