SEMINARIO DI ATENEO “MATCH FIXING E CORRUZIONE NELLO SPORT”

Giovedì 17 settembre 2020 – Sala Consiliare “Giulio Marinozzi” – Complesso Palestre Femminili – Piazza Lauro De Bosis 4 – Roma 

Si è svolto il 17 settembre scorso presso la Sala Consiliare “Giulio Marinozzi” il Seminario di Ateneo “Match fixing e corruzione nello sport” tenuto dal Presidente dell’Association of Summer Olympic International Federations (ASOIF) e Membro Giunta Nazionale CONI, Ing. Francesco Ricci Bitti.

L’appuntamento, presentato dal Prorettore Vicario Prof. Fabio Pigozzi, ha affrontato una tematica sempre più pressante nel mondo sportivo, quella del fenomeno delle scommesse illegali e della manipolazione dei risultati, a discapito dell’integrità e dell’autonomia dello sport.

Il betting non è di per sé il problema – ha esordito Ricci Bitti – il problema è l’uso criminale dell’alterazione dei risultati e della corruzione attraverso le scommesse. La questione, che colpisce soprattutto il calcio e il tennis, ma che si va allargando anche ad altre discipline sportive, richiede strategie di prevenzione e contrasto integrate, che coinvolgano efficacemente tutti gli attori coinvolti, quali il Cio, i governi, gli operatori, le agenzie di scommesse, le organizzazioni di carattere sportivo, i fan.

Nel corso della lettura magistrale, è stato ricordato che si tratta di un tema di grande complessità, che va dalla tutela degli scommettitori e della credibilità e dell’onestà dello sport, alla necessità di adottare misure di accertamento dell’affidabilità degli operatori, all’adeguamento alle nuove tecnologie e all’evoluzione del betting online, ad una normativa uniforme da parte dei diversi stati, ad attività di indagine e investigazione, alla lotta a fenomeni di riciclaggio.

Come sempre non sono mancati spunti di confronto e riflessione sulle varie sfaccettature - di forte impatto sia economico che etico - di una questione globale in attesa di soluzione.

aggiornato: 

Lunedì, 21 Settembre 2020 - 3:45pm

Sottosezione: 

75