PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

PIANO TRIENNALE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA

ANNO

MAPPATURA PROCESSI

DI RISCHIO

AGGIORNAMENTI
2022-2024 INFO 1  - INFO 2 INFO
2021-2023 INFO INFO
2020/2022 INFO INFO
2019/2021 INFO INFO
2016/2018 INFO INFO

 

PIANO INTEGRATO DELLA PERFORMANCE

ANNO AGGIORNAMENTO
2021/2023 20212022
2020/2022 2020 - 2021
2017/2019 2018 - 2019
   

TABELLA PER LA VALUTAZIONE E TRATTAMENTO DEL RISCHIO - INFO

SCHEDA PER LA PREDISPOSIZIONE DELLA RELAZIONE ANNUALE DEL RESPONSABILE DELLA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE

 

Informativa Conflitto di interessi e Dichiarazioni 445-2000

Referente di struttura per la Trasparenza e l'Anticorruzione

Rischi corruttivi e trasparenza -

PIAO 2024-2026

PIAO 2023-2025 

Whistleblowing - Segnalazione di condotte illecite

L’art. 54 bis del D.lgs. n. 165/2001 (T.U. Pubblico Impiego) prevede una serie di tutele a favore del dipendente pubblico (o soggetto equiparato) che, nell’interesse dell’integrità della pubblica amministrazione, segnala condotte illecite di cui è venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro. In particolare, tale norma prevede, tra l’altro, la tutela della riservatezza dell’identità del segnalante e la tutela del segnalante da eventuali misure ritorsive o discriminatorie adottate dall’amministrazione nei suoi confronti. A ciò si aggiunga quanto previsto dall’art. 3 della Legge n. 179/2017 secondo cui “nelle ipotesi di segnalazione o denuncia effettuate nelle forme e nei limiti di cui all'articolo 54-bis del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, … il perseguimento dell'interesse all'integrità delle amministrazioni, pubbliche e private, nonché alla prevenzione e alla repressione delle malversazioni, costituisce giusta causa di rivelazione di notizie coperte dall'obbligo di segreto di cui agli articoli 326,622 e 623 del codice penale e all'articolo 2105 del codice civile”.

La legge tutela il dipendente che, in ragione del rapporto di lavoro, si accorga o venga a conoscenza di fatti e condotte illecite. Infatti, al di fuori dei casi nei quali si ravvisi una responsabilità a titolo di calunnia o diffamazione, il dipendente “non può essere sanzionato, demansionato, licenziato, trasferito, o sottoposto ad altra misura organizzativa avente effetti negativi, diretti o indiretti, sulle condizioni di lavoro determinata dalla segnalazione” (Art. 54-bis D.Lgs. 165/2001).

La segnalazione può essere inviata al seguente indirizzo: condotteillecite@uniroma4.it utilizzando il modulo disponibile on line.

Per completezza d’informazione si ricorda che, in base all’art. 54 bis del d.lgs. 165/2001, modificato dalla l. 114/2014, i dipendenti pubblici possono inoltrare le segnalazioni per condotte illecite anche direttamente all’ANAC http://www.anticorruzione.it/portal/public/classic/AttivitaAutorita/Anticorruzione/SegnalIllecitoWhistleblower

MODULO SEGNALAZIONE ILLECITO.

 

Provvedimenti adottati dall'A.N.AC. ed atti di adeguamento a tali provvedimenti

Per consultare gli atti, i provvedimenti e gli altri documenti adottati dall'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) in tema di anticorruzione e trasparenza si rimanda alla sezione "Consulta i documenti" del sito dell'ANAC.

Regolamenti per la Prevenzione e la Repressione della Corruzione e dell'Illegalità

Non adottati.

Atti di accertamento delle violazioni

Non sussistono atti di accertamento delle violazioni delle disposizioni di cui al D.Lgs. n. 39/2013.

aggiornato: 

Mercoledì, 31 Gennaio 2024 - 11:00am

Sottosezione: 

AllegatoDimensione
PDF icon Modulo segnalazione illecito.pdf402.99 KB